Home Su

 

 

 

 

 

Home
INDICE
CHI SIAMO
ARCHIVIO
PRODUZIONI
AUTORI
I COMMENTI
CONTATTI

2008

MICRON - IV edizione

PROGRAMMA 2008

(dal 3 al 31 ottobre)

 

Gli spettacoli: 

BLACKOUT
PANTOMIMA MOZARTIANA
DIAVOLETTO ROCK
SINFONIA DI OGGETTI ABBANDONATI

OICHE SHAMHNA (La notte di Samhain) ovvero La vera storia di Halloween

 

 

 

ven 3 ottobre  TORINO – Teatro Piccolo Regio

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

BLACKOUT

 

Fiaba lirica  in 1 atto

 

per 5 cantanti (una voce bianca, 2 soprani, tenore e baritono), quartetto strumentale (violoncello, clarinetto, pianoforte e percussioni), coro di voci bianche e una ballerina.

 

Soggetto e Libretto: Roberta Faroldi

Musiche: Roberto Scarcella Perino

 

 

INTERPRETI 

 

Onda Magnetica/Morgana : Antonella Bertaggia, soprano

La Scossa:  Halla Margret , soprano

L’angelo Icaro: Stefania Costa, voce bianca

Lo scienziato: Marco  Sportelli , baritono

Onda Elettrica/ Mr Riflesso: Corrado Margutti , tenore

il Buio: Valeria Toselli , ballerina

 

Giorgio Spriano, pianoforte

Sandro Tognatti, clarinetto

Margherita Monnet, violoncello

Massimo Melillo, percussioni

 

Coro di Voci Bianche MICRON

diretto da Paola de Faveri

 

Direttore: MARCO CORDIANO

Regia: ROBERTA FAROLDI

 

Scena: Ivano Coviello

Costumi: Paolo Rovati

 

Dove sta il segreto dell’energia imprigionata dalla luce? E cosa succede a chi tenta di carpire questo segreto? Ce lo può raccontare lo Scienziato di “Blackout” che dopo aver perso il controllo durante un esperimento viene catapultato nel mondo della luce e dovrà vedersela coi suoi bizzarri abitanti. Mister Riflesso,  la Scossa, i Colori, Morgana, le Onde Innamorate: ognuno di loro saprà rivelargli una piccola parte della verità. Ma sarà soprattutto Icaro, l’angelo curioso, ad aprirgli gli occhi. Perché un triste destino attende chi non sa vedere e riconoscere.

 E il Buio, perennemente in agguato, lo sa.

 

Opera da camera di grande respiro, permette un approccio completo al mondo della lirica, ma con una trama fiabesca e accattivante.

 

Torna su 

 

 

gio 9 ottobre  TORINO – Teatro Piccolo Regio

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

 

ven 10 ottobre CEVA (CN) - Teatro Marenco

ore 11 (per le scuole)  e ore 21 (per tutti)

 

PANTOMIMA MOZARTIANA

Opera-pantomima in un atto

per 2 ballerine, quartetto d’archi e pianoforte

Musiche di W.A.Mozart e A.Schnittke

 

INTERPRETI 

 

Tiina Lindfors, ballerina

Eeva Soini, ballerina

 

Alessandro Perpich, violino

Diego Romano, violino

Marco Perin, viola

Marco Dalsass, violoncello

Andrea Rucli, Pianoforte

 

Coreografie di Tiina Linfors

Costumi di Tuula Berqvist

 

Pantomima, ovvero il linguaggio universale del corpo e della gestualità fatta teatro.

Questo spettacolo giunge da  Kuhmo (Finlandia),  dove lo scorso anno è stato presentato in uno dei maggiori festival di musica da camera al mondo, e ci propone la Pantomima “Pantalone e Colombina” (KV 446) scritta da  Mozart nel 1783 per una festa da ballo carnevalesca, giunta a noi incompleta e qui ricostruita ad opera del  violista e compositore rumeno-olandese Vladimir Mendelssohn

La trama è basata sul più tipico canovaccio della commedia dell'arte italiana: Arlecchino e Colombina si incontrano e si innamorano, ma Pantalone, il tutore di lei, l’ha già promessa al vecchio Dottor Balanzone. I due giovani dovranno dunque trovare una soluzione ingegnosa per coronare il loro sogno d’amore.

A questo Mozart “originale” (ma ricostruito)  si aggiungono due lavori di Schnittke che a Mozart si ispirano con ironia: il celeberrimo duetto "Moz-art" parte proprio dai temi della Pantomima KV446, giocando con sovrapposizioni e “riaccordature” inattese, mentre la "Pantomima" tratta dalla "Suite in Old Style" è –come tutti gli altri brani della Suite-  un vero omaggio novecentesco alla storia della musica occidentale.

Il tutto, sempre accompagnato dalle coreografie originali di Tiina Lindfors.

 

 

Torna su

 

 

 

 mer 15 ottobre 2008  RIVOLI (TO) – Maison Musique          

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

 

gio 16 ottobre 2008 TORINO – Teatro Piccolo Regio

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

 

DIAVOLETTO ROCK

Opera da camera  in 1 atto per voce recitante, baritono, tenore, clarinetto, 2 chitarre acustiche/chitarra elettrica, basso elettrico, percussioni/ batteria

 Testo e musica: Giorgio Spriano

Regia: Roberta Faroldi

-Prima rappresentazione-

 

 

INTERPRETI 

 

Stefano Sartore, voce recitante

 

Oliviero Giorgiutti, baritono

Gianluca Fasano , tenore

 

Carlo Lo Presti, chitarra classica

Marco Bonfanti, chitarra classica ed elettrica

Luca Ripanti, basso acustico e basso elettrico

Alan Brunetta, percussioni e batteria

Sandro Tognatti, clarinetto

 

Vita dura per i diavoli d’oggi, alle prese con ragazzini sempre più testardi e difficili.

Così un diavolo dei nostri giorni mette in atto una strategia…. musicale per tentare due giovani amici. Complice il ritmo e le sonorità del rock, crederà di avere finalmente in pugno le anime dei due ragazzi. Ma non ha fatto i conti con l’astuzia e la ferrea amicizia dei protagonisti.

                Questa pièce di teatro musicale ironizza e quasi capovolge la valenza "positiva" delle sonorità classiche (clarinetto, chitarra classica e percussioni) e quella "negativa" della musica rock (chitarra elettrica, basso elettrico e batteria), giocando su una possibile contaminazione tra i due generi. E anche la voglia di trasgressione dei protagonisti troverà alla fine un  solido confine nell’amicizia e nella realizzazione dei propri sogni.

Torna su

 

 

gio 23 ottobre 2008  TORINO – Teatro Piccolo Regio

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

 

SINFONIA DI OGGETTI ABBANDONATI

Opera da camera  in 1 atto

per polistrumentista solo e orchestra di strumenti inediti

 Di e con MAX VANDERVORST

Supporto tecnico: Claire Steinfort

 

 

Max Vandervorst , polistrumentista e uomo di teatro, con la sua “liuteria selvaggia” continua a lavorare per cercare i suoni perduti e dar vita agli oggetti inascoltati e abbandonati. Tutto ciò che buttiamo (gli “scarti” della nostra vita quotidiana) nelle sue mani si trasforma, si rianima, viene reinventato da questo irripetibile artista belga, e una miriade di voci nuove vengono allora a comporre una vera Sinfonia sorprendente e inattesa.  

In venti anni di tournée, questa Sinfonia di oggetti abbandonati è divenuta un classico imperdibile del teatro musicale. La sua estrema semplicità, la freschezza del suo umorismo continua a richiamare la nostra attenzione e ad incantarci.  

Torna su

 

 

mer 29 ottobre 2008   MONDOVI’ (CN) – Teatro Baretti

ore 11 (per le scuole)  e ore 15 (per tutti)  

ven 31 ottobre 2008 TORINO – Teatro Piccolo Regio

ore 11 (per le scuole) e ore 21 (per tutti)

 

OÍCHE SHAMHNA

(La notte di Samhain)  

ovvero La vera storia di Halloween

Fiaba in musica  per voce recitante, 2 cantanti e quintetto strumentale (violino, violoncello, chitarra, flauto e percussioni)

Testo e musica: Kay Mc Carthy  e  Gian-Luca Baldi

-Prima rappresentazione-

 

 

INTERPRETI 

 

Yuri D'Agostino, voce recitante

 Patrizia Lomuscio, canto  

Kay McCarthy, canto, arpa celtica e bodhran

 

Francesco Ficarella, violino

Margherita Monnet, violoncello

Carlo Lo Presti, chitarra

Alessandro Molinaro,  flauto

 

Direttore: Gian-Luca Baldi

Regia: Roberta Faroldi

 

E’ dall’Irlanda e non –come i più credono- dagli Stati Uniti che deriva la leggenda originale sulla notte di Halloween o (come la chiamano in gaelico)  Oíche Shamhna, la notte di Samhain, il dio dell’inverno e dell’oscurità. In questa notte le porte del regno degli spiriti e di quello delle fate restano aperte e strani prodigi possono accadere. Tra tutti i demoni che vagano in questa notte, il più terribile è certamente il Puca, l’aiutante di Samhain. E per questo ogni bimbo si traveste con maschere orribili, affinché i demoni e il Puca non gli si avvicinino. In questa notte magica il piccolo Fionn si appresta a festeggiare Halloween come ogni anno, e di certo non immagina quale misteriosa avventura sta per accadergli…

Questa fiaba musicale si propone il duplice intento di narrarci la leggenda di Halloween (proprio nella giornata in cui questa festa si celebra) e di farci conoscere le suadenti sonorità della musica irlandese.

Torna su

 

 
                                     

 

 

 

 

 

Home INDICE CHI SIAMO ARCHIVIO PRODUZIONI AUTORI I COMMENTI CONTATTI